SOUFF – TERRA Un sogno VERDE per combattere la siccità, i cambiamenti climatici e la povertà in Senegal

It remains to raise funds:
Need €100,000
Senegal, Linguère, Nguith
01.04.2017 - 31.10.2021
Money support
0raised of100000
Beneficiaries
Citizens and communities, Families, adults, Old people, Others
Details about non financial support

iconMoney support: €100,000.00 needed.


About us

  • SummarySummary

    Il progetto SOUFF (parola wolof che significa terra/suolo) si svolge nella Comunità di Nguith (regione di Louga, Sahel – Senegal). In questa regione l’aumento della temperatura e lo sfruttamento del suolo per i pascoli sta determinando centinaia di chilometri di terre aride, impossibilitando l’agricoltura e la sopravvivenza degli animali e costringendo la popolazione a spostarsi in regioni o stati limitrofi in cerca di condizioni di vita migliori. ,[object Object],Numerose sono le iniziative sorte per combattere e gestire la desertificazione e il progetto di ARCS si inserisce nell’iniziativa intergovernativa denominata “Grande Muraglia Verde dell'Iniziativa per il Sahara e il Sahel, GGWSSI” che prevede la creazione di un muro forestale di circa 7000 km, costituito da miliardi di alberi piantati dalle popolazioni locali. In questo difficile e sfidante contesto il progetto di ARCS promuove 1 - azioni di forestazione, 2 - programmi di formazione in agroecologia per giovani tecnici locali e 3 - l’avvio di una fattoria comunitaria.,[object Object],,[object Object],“Questo progetto mi permette di rimanere con i miei figli, senza dover migrare in Mauritania o in Europa, con tutti i rischi da affrontare. Per noi donne è pericoloso migrare, ma non possiamo fare altrimenti se vogliamo dare da mangiare ai nostri figli. Avere lavoro tutto l’anno e non solo durante la stagione delle piogge per noi significa poter vivere dove siamo nate, non essere sottoposte a vessazioni e a poter far studiare i nostri figli. ,[object Object],Madame Khoudia Guisse, Villaggio di Nguith,[object Object],,[object Object],Ho conservato gelosamente una foto delle mie mani dopo quelle lunghe ore di lavoro. Sporche, piene di terra umida, stanche. Perché volevo ricordare quanta fatica gli uomini e le donne del villaggio di Nguith hanno sopportato per tutta la loro vita,[object Object],Andrea Belloni – Cooperante di ARCS,[object Object],
  • ChallengeChallenge

    Tre sono le sfide principali del progetto: 1 - combattere la siccità piantando alberi, 2 - creare una cultura tecnica e sociale finalizzata ad avviare una agricoltura che rispetti il suolo e 3 - fare agricoltura sostenibile realizzando una fattoria agroecologica comunitaria. Queste sfide si avvalgono del patrimonio di conoscenze e competenze delle associazioni locali senegalesi partner del progetto e di alcuni migranti senegalesi residenti in Italia che hanno espresso il desiderio di collaborare con ARCS per contribuire allo sviluppo della loro regione natìa.
  • SolutionSolution

    Tre sfide da affrontare e tre soluzioni da attuare: 1 - usare gli alberi come sistema a energia solare per migliorare il suolo in particolare attraverso la produzione delle “pallette di Fukuoka”, dal nome del famoso agronomo giapponese che le ha ideate, fatte di argilla e compost, al cui interno c'è il seme di un albero; le pallette sono lasciate seccare e poi letteralmente lanciate nel deserto durante la stagione delle piogge si apriranno e germineranno i semi. Un modo originale per “prendersi cura della terra” coinvolgendo la popolazione locale; 2 – formazione e costituzione di una di una squadra di agro-ecologi che saranno impiegati all’interno della fattoria SOUFF: una squadra che sostiene e motiva le attività produttive e comunitarie degli abitanti dei villaggi; 3 – realizzazione della fattoria agro ecologica comunitaria SOUFF situata all’interno della riserva forestale. Attraverso le tecniche di permacultura, agroecologia e compostaggio si realizzano concimi naturali per migliorare il suolo. La fattoria è stata progettata per essere autonoma dal punto di vista energetico e agricolo: produce energia elettrica con impianti solari, autoproduce il proprio concime, migliora il suolo e risparmia e recupera l’acqua utilizzata. L’elenco delle attività che avranno sede nella fattoria è molteplice: miglioramento del foraggio per gli animali da pascolo, orticoltura irrigata con sistemi a goccia, produzione della gomma arabica, allevamento di ovini, trasformazione e conservazione di prodotti orticoli freschi, realizzazione di burro d’arachidi e noccioline tostate dolci e salate.

Monthly report

no data

Project news

no news

loading-spinner