TEEN not NEET - Laboratori di soft skills

It remains to raise funds:
€3,600 raised of €28,000
Italy, Campania - Lombardia, Napoli - Como - Bergamo
17.05.2022 - 30.09.2022
Money support
3600raised of28000
Beneficiaries
Neet
Details about non financial support

iconMoney support: €28,000.00 needed.


About us

  • SummarySummary

    Giovani e soft skills

    Adolescenza e preadolescenza sono spesso definite come le “età dell’incertezza”: è durante questi periodi che i giovani iniziano a dare forma alle loro vite, strutturandosi come individui autonomi e imparando ad inserirsi armonicamente in una collettività.

    Tutti e 3 i centri di formazione professionale coinvolti nel progetto si rivolgono ad adolescenti con fragilità, provenienti da contesti sociali in cui è difficile assimilare competenze relazionali forti.

    Competenze sempre più richieste dal mondo delle aziende e senza le quali si rischia di vanificare tutti gli sforzi messi in campo dagli istituti per l'inserimento dei ragazzi.

    I contesti sociali di provenienza

    I contesti sociali in cui operano i 3 istituti presentano infatti tassi di abbandono scolastico elevati.

    Infatti, secondo lo studio OpenPolis di febbraio 2021, basato su dati Eurostat 2019, la percentuale di NEET nella fascia compresa tra i 15 e i 24 anni in Italia è del 18,1% e nella sola Regione Campania la percentuale sale al 27,30%.

    Per quanto riguarda la regione Lombardia, la percentuale è meno preoccupante, ma comunque sempre molto alta (17,4% considerando fascia d’età 15-29 anni).

  • ChallengeChallenge

    TEEN not NEET è un progetto che ha come obiettivo quello di migliorare le competenze trasversali di 15 studenti inseriti al 2° anno di corso, per permettere loro di essere pronti ad affrontare il mondo del lavoro e la vita.

    Le competenze allenate

    Nello specifico i laboratori di soft skills vogliono fornire ai partecipanti:

    • un metodo di studio adattabile a diversi contesti di apprendimento;
    • un approccio propositivo e creativo nell’affrontare i problemi e nel cercare le soluzioni più adatte;
    • la capacità di confrontarsi in maniera costruttiva con il gruppo (sul lavoro e nella vita);
    • la capacità di adattarsi a contesti culturali differenti.
  • SolutionSolution

    I laboratori

    Il progetto prevede 3 laboratori, uno per centro di formazione professionale, focalizzati ciascuno su una competenza trasversale specifica.

    • Imparare ad imparare e public speaking – CNOS FAP, Napoli
    • Problem Solving – Patronato San Vincenzo, Bergamo
    • Team Working e Team Building – Cometa, Como

    Gli scambi formativi: Nord e Sud Italia

    Ciascun ente invierà 5 dei propri studenti più meritevoli del 2° anno in ciascuno dei centri identificati a rotazione. Questo permetterà ai ragazzi non solo di acquisire diverse competenze trasversali da ciascun laboratorio svolto ma anche di adattarsi a contesti culturali e di vita differenti dal proprio attraverso il viaggio, la scoperta e lo scambio con i propri coetanei. Il viaggio rappresenta infatti uno strumento educativo fondamentale nel progetto. Un mezzo con il quale stimoliamo i ragazzi a socializzare ed allargare i propri orizzonti varcando i confini del proprio contesto.

    L’opportunità di uscire dal mondo ristretto, in cui i ragazzi quotidianamente vivono, agevola il confronto con modelli diversi da quelli usuali, amplia le conoscenze, stimola la curiosità innescando il cambiamento. I 15 beneficiari, una volta rientrati nelle loro scuole, avranno poi il compito di trasferire quanto appreso ai propri compagni in un’ottica di peer to peer education.

Monthly report

no data

Project news

no news

loading-spinner