BEIRUT CALLING - Azioni comunitarie per la ripartenza della popolazione libanese in emergenza socioeconomica e sanitaria

It remains to raise funds:
Need €60,000
Lebanon, Quartiere di Geitawi Siblin, Beirut Siblin
01.01.2021 - 31.10.2021
Money support
0raised of60000
Beneficiaries
Old people, Children and teenager, Citizens and communities, Families, adults, Others, Social exclusion, poverty, Victims of natural disaster and epidemics
Details about non financial support

iconMoney support: €60,000.00 needed.


About us

  • SummarySummary

    Lo scorso agosto 2020 una violenta esplosione ha distrutto gran parte del porto di Beirut, causando nel raggio di cinque chilometri, danni gravissimi alle aree residenziali e commerciali. L’esplosione ha provocato la morte di centinaia di persone, oltre 6.500 feriti e circa 300.000 sfollati. Questo evento è occorso in un Paese già colpito dalla più grave crisi socioeconomica degli ultimi trenta anni, aggravata dalle conseguenze sanitarie ed economiche della pandemia di COVID-19 e delle relative misure di contenimento. Al 7 Dicembre, un totale di 947 letti di ospedali sono dedicati a malati covid-19, di cui 69% già pieni e un totale di 465 terapie intensive, piene all'82%. ARCS impegnata da anni nella città, insieme alle organizzazioni della società civile e di cooperazione internazionale sta supportando azioni di comunità che mirano a garantire alla popolazione beni e servizi di base ed ha lanciato una “chiamata all’azione” (Beirut Calling) per rispondere all’emergenza socioeconomica e sanitaria.
  • ChallengeChallenge

    Due sono le sfide principali di Beirut Calling: 1. Contribuire all’efficacia e efficienza dei servizi sanitari dell’ospedale pubblico di Siblin, centrale nell’assistenza delle comunità del distretto di Chouf e delle zone limitrofe; 2. Sostenere lo sviluppo dell’iniziativa nata dal basso Nation Station, un centro di primo soccorso creato da volontari in sostengo della popolazione vulnerabile e sfollata dopo le esplosioni, che ha l’obiettivo di costituirsi come centro comunitario autonomo. Le sfide si avvalgono delle competenze e relazioni che ARCS in Libano ha sviluppato in numerosi anni di cooperazione, lavorando in sinergia con partner e attori locali impegnati in attività di sviluppo della popolazione locale e rifugiata.
  • SolutionSolution

    In risposta alle due sfide individuate, ARCS con Beirut Calling intende: 1. equipaggiare l’ospedale di Siblin con attrezzature specifiche e dispositivi di protezione per il personale sanitario. Il reparto covid-19 dell’ospedale di Siblin che ha una capacità massima di 50 pazienti, 10 unità di terapia intensiva e 17 stanze di isolamento sarà rifornito con strumenti aggiuntivi per la diagnostica e per la terapia di supporto respiratorio, oltre che con guanti, mascherine e altro materiale protettivo per la sicurezza del personale in prima linea. 2. Sostenere la Nation Station nelle attività di distribuzione alimentare a 300 famiglie vulnerabili e nella messa in sicurezza di 40 abitazioni distrutte nel quartiere di Geitawi. Nation Station è una stazione di servizio abbandonata trasformata da volontari locali in un punto di raccolta e centro di distribuzione di cibo e beni di prima necessità che intende ricostruire la città mettendo al centro l’azione delle persone.

Monthly report

no data

Project news

no news

loading-spinner